L’Italia al bar a bere un caffè, traduci questa versione dall’italiano nel tuo dialetto!

L’Italia al bar a bere un caffè, traduci questa versione dall’italiano nel tuo dialetto!

Viaggiando molto per l’italia ho avuto modo di apprezzare tanti dialetti, dal siciliano al padovano, dal casertano, al romano,al bolognese, etc etc. Mi divertivo molto a tradurre la mia lingua salentina con quella degli amici di altre città.

In memoria di quei ricordi promuovo questa iniziativa e spero di coinvolgere anche voi in questo scopo. Bisogna tradurre la frase in grassetto scritta sotto, nel dialetto del vostro paese e inserirla come commento. Se siete in provincia, scrivete il vostro paese e la provincia es: Gallipoli (LE) .

Vediamo in quante lingue italiane riusciamo a tradurla! Forza dai!!!

La frase da tradurre è questa:

Cliente: Ma che caffè è questo? E’ amarissimo!
Barista: E che diamine, ecco lo zucchero!

Palermo, al bar.
Cliente: “Ma che minchia di caffe e chistu? Amarissimo ie !”
Barista: “Mischino! Scusasse vossia, ce lo mittissi subito u zuccaro!”

Bari, al bar.
Cliente: “Mooo, e ‘ci e? C’sort’ d’cafe ie cuss? Amar’com’u’fiel’! Chidd’e’mmurt!”.
Barista: “Madonn’u’me’, ci’ue da me? E chiapp’ u’zucchr’! vafangul!”

Napoli, al bar.
Cliente: “Ue, Genna’, e cchess’e nu’cazz’e cafe! Senz’o zuccher’rint’! Amar’ comm’a mort’! Maronn’!”.
Barista: “Ne, Peppi’, e m’aggio sbagliat! Mittit’c o’zuccher’n copp’,ue, scusate, teng’che ‘ffa…”

Salerno, al bar.
Cliente: “we mannaggia a mort, e tu chist o chiamm cafè?? nun c’è mis manc o zuccher aint! ma stai nu poc a for stammatin???”
Barista: “ue, m’è propri passat pa capa!!ttiè ccà,tiè…mittangel stess tu!statt buon uagliù, m chiaman allà!!!”

Roma, al bar.
Cliente: “Ma li mortacci tua ! Nun ci’hai messo un cazzo de zucchero! E amaro arabbiato! Aho! Che, mme stai a cojona?”.
Barista: ” Aho, e qua me stanno a ffa’n’casino! Ecchelo, arimetticetelo lo zucchero e nun me rompe’ li’cojoni!”.

Firenze, al bar.
Cliente: “Icche ti gira il boccino, oggi? ‘Un ti sei rihordato punto di zuccherare il caffe? L’e amaro boia, maremma !”.
Barista: “Maiala bona! ‘e mi pareva ‘un ci facessi haso, l’e giusto qui la zuccheriera! Te tu metticelo tutto!”.

Livorno al bar
Cliente : “Cazzo! Ma un ce l’hai messo lo zucchero stamane? Boia deh! Fa’ schifo!”
Barista: “E che cazzo! So na sega se ci voi lo zucchero. To piglia la zuccheriera e strafogati!
(da Ennio)

Sassari, al bar.
Cliente: “Cazzz… ma la bagassa doja… no m’ai posthu lu zuccaru in lu gaffè’ è maru che li ray!!! cosa gazzu sei fendi?”.
Barista: “Ma gosa gazzu boi? poniddiru!!! e marasolthi chi t’accumpagna!!!”
(da Sandra, Antonella, Patrizia e Antoinette)

Bologna, al bar.
Cliente: “At’vegna un cancher, mo’ ti sei dimenticato lo zucchero ?”.
Barista: “Socc’mel, a’m sera brisa dè! To’ la zuccheriera!”

Trento, al bar
Cliente : “Zio Cane, barista dall’ostia, te se desmentegà l’zucher, va’n mona và, n’dela la zuccheriera?”
Barista : “Osti, me son desmentegà, toh eccola, vot anca n’ciccin de grappa ent’el cafes?”

Bergamo, al bar.
Cliente: “We cameriér, n’dolè ol socher? ol café l’è amar!!!!”
Barista: “ma l’è le sol taol!!! arda le, dogh’è ol socher, prope lè!!!”

Milano, al bar.
Cliente: “Ciula! t’el chi, crapun! Cuma l’e quel caffe li? Sensa succaro?”.
Barista: “Uh, bestia, ciapa chi la sucarera!”

Torino, al bar.
Cliente: “Cristu Bertù, alè en poc amer nè….”.
Barista: “oh basta là, l’avra spustalu en tarun, el suker! ka t’sterva pura, monsu”.

Genova, al bar.
Cliente: “Belin che caffe amaro, figgieu. Manca lo zucchero, besugo!”.
Barista: “L’ha girato bene?”.

Grazie a Kassandra per lo startup delle frasi!

18 risposte a L’Italia al bar a bere un caffè, traduci questa versione dall’italiano nel tuo dialetto!
  1. Variante a Roma per chi non ama il turpiloquio:
    cliente.: a Ren? sto caff na ciofeca,nun c’hai messo er zucchero, sembra ‘na spremuta de cicoria!
    barista: a Romolo tiette la zuccheriera e mettece er caff drento!!

  2. Sono di Sassari, indubbiamente la nostra versione la seconda, la prima un’invenzione sullo stile di Aldo, Giovanni e Giacomo….

  3. grazie! tolgo la prima versione e lascio la seconda.

  4. cliente: Ce caf mmai fattu stammane? Ci ggh maru!
    barman: na’ zicca e mintiti u zuccheru e stattete cittu

  5. Piacenza: Ma che rassa ad caf l’ custi che?L’ amarissimo(oppure: l’ amar abota)
    Par Diu!Ciapa al sucar!

  6. NON SO CHI ABBIA SCRITTO IL PEZZO DI TORINO, DI SICURO NON UN TORINESE. A PARTE LA BESTEMMIA GRATUITA (NON COSI’ CONSUETA PER UN VERO PIEMONTESE) , UN TORINESE CHE PALA TORINESE NON DIREBBE MAI TERUN (LOMBARDO-VUOL DIRE CONTADINO) MA AL MASSIMO “NAPULI” O ” TERA DA PIPE” . ANCHE IL RESTO LASCIA DESIDERARE. FIEUIJ, PARLE’ PIEMONTAIS, MA MAC SE SEVE BU-N !!! CEREA NEH.

  7. gallerts, se posti la dicitura esatta, la sostituisco ;)

  8. A Venezia: Cliente:- Ohi Che cafe’ ti me ga fato; el xe peso d’el tossego!
    Barman:- Vecio date na calmada e ciapa qua’ el suchero!

  9. cliente: ”ma che madonna sto caff? mareglia quante un g?²rbo”

    barista: ”eh se non ce mitti lo zuccheru mareglia che sci”

    TREIA (MACERATA)

  10. de, barista, cum l’ qu l’ su caff? ? l’ ‘marut!
    ti caci mat ne, ciapa chi al sucar

  11. Provincia di Lodi
    “Can’da’la bissa, che roba l’è, chél cafè chì l’è amàr mél tòssag! Al par lissivia, a l’è sénsa succar, n’è?!?”
    “Orca, c’al me scusa, tò, ciapa e métégal ti!”
    :-)

  12. Calabrese:
    Che razza ‘e cahé é chistu? Ci la misu u zuccaru?
    Mu te vena la cancarena, iu ce l’aiu misu. Té!

  13. cliente:-ma che caffé é chisthu?É ranzigu!
    barista:-eh, chi nó crebbi!Pigliaddi lu zuccaru!!!

    Sassari (SS)

  14. bar amici a Marghera (Venexia) : ghe sboro, vecio.. che casso de caffe ti me ga fato? El succaro dove xeo..el xe imbevibie

    barista: .. ..
    ghe sboro.. ma ti ghe vedi???
    date na calmada vecio ..el succaro el xe sempre rimasto qua..percio’ rangite… e dopo va in cueo de to mar

  15. Catania
    Cliente:Minchia!ma chi cazzu ri cafe è chistu!Minchia chi è amaru
    Barista:Ma scusari non muruuddai!tenga ciù mittissi lei u zuccuru!
    Ct

  16. Cliente: Oh’! Ma k schkifa d café m’ha fatt?O’ frekt quand’è mariend!
    Barista: Ea sándnénd! Mò, ték’t lu zúkk’r!

  17. CAGNANO VARANO (FG)

    Cliente: Oh’! Ma k schkifa d café m’ha fatt?O’ frekt quand’è mariend!
    Barista: Ea sándnénd! Mò, ték’t lu zúkk’r!

  18. Palermitano
    Cliente: Ma chu minchia ia cafè è? è troppu amaru!
    Barista: Mi scusi signò, ci mittissi subitu u zuccaru

Artisti per lettera
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9