De Pijp, i mille volti di Amsterdam racchiusi in un quartiere

De Pijp, i mille volti di Amsterdam racchiusi in un quartiere

Amsterdam-CanalsAmsterdam è una città dai mille volti: ogni quartiere racchiude un pezzo del suo animo multi sfaccettato, ma ve ne sono alcuni che ne racchiudono diversi insieme. È il caso di De Pijp, ovvero il coloratissimo quartiere che occupa la parte meridionale della capitale olandese. Niente a che vedere, ovviamente, con il fascino romantico del distretto dei canali, ma forse qui avrete l’occasione di scoprire una città diversa e in fermento. Forse, addirittura, più “vera”.

Visitare il Pijp significa immergersi nel vivo del melting pot culturale della città e assaporare l’essenza delle tradizioni dei diversi popoli che vi convivono, con un affascinante viaggio dalla cultura marocchina a quella indonesiana. Il quartiere si caratterizza per la sua miscela eterogenea di elementi artistici, architettonici, culturali e sociali, che si esprimono in un ricco ventaglio di locali, ristoranti, caffetterie, giardini e monumenti. Se si soggiorna in un hotel a Amsterdam in quest’area, infatti, si avrà come l’impressione di vivere simultaneamente in più città, con la possibilità di accedere a una delle sue proposte più variegate.

Il cuore vibrante del quartiere è costituito dal famoso Albert Cuypmarkt, uno dei mercati all’aperto più grandi d’Europa. Da oltre un secolo, l’Albert Cuypmarkt anima le stradine di Amsterdam con le sue bancarelle, che oggi propongono prodotti tipici provenienti da tutto il mondo. In un’area di oltre 250 stand, si può trovare – e soprattutto, assaggiare! – di tutto: dagli involtini primavera vietnamiti ai frutti di mare freschi, da carni e formaggi esotici alla delizia tutta olandese degli stroopwafel. Insomma, una vera gioia per il palato degli estimatori dei sapori esotici, ma non solo, dato che il mercato fa anche da splendida vetrina a prodotti dell’artigianato di diverse culture.

La diversità culturale del quartiere traspare nei suoi ristoranti – in cui si può degustare il meglio della cucina internazionale, spaziando dal Nord Africa al Medio Oriente – e nei vivaci locali aperti fino a tarda sera. Per i fan della birra, inoltre, c’è la storica fabbrica della Heineken, meglio conosciuta come Heineken Experience, uno dei classici must su cui puntano i portali di viaggio tipo Expedia. Da non perdere sono poi gli incantevoli giardini di Sarphatipark (con tanto di laghetto e area giochi) e il complesso di appartamenti conosciuti con il nome di Arbeiders Paleizen (letteralmente, “palazzi dei lavoratori”, pensati agli inizi del Novecento per ospitare gli operai delle vicini industrie), che insieme ad altri edifici della zona di P.L. P.L. Takstraat costituiscono alcuni dei migliori esempi della Scuola di Amsterdam.

Non stupitevi, perciò, se passeggiando per le stradine del quartiere incontrerete un gran numero di artisti e creativi, da sempre vittime del fascino di Pijp e dei suoi ambienti, tanto da regalargli il soprannome di “Quartiere Latino” di Amsterdam.

I commenti sono chiusi.

Artisti per lettera
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9